forfettario2-1

Il Fisco inizia i controlli sui finti forfettari

Il Fisco prepara i controlli per scoprire abusi nell’ingresso e nella permanenza nel regime forfettario. Controlli che saranno articolati lungo due direttrici: accessi in sede e attività di analisi di rischio sulla base del patrimonio informativo disponibili.

Controlli che saranno indirizzati sia nei confronti di chi è entrato da quest’anno sia verso chi era già nel regime.

Alla luce dell’ampliamento della platea, dopo l’allargamento delle maglie nell’ultima manovra, il Fisco accenderà il faro sui soggetti che non possiedono i requisiti per accedere.

Analisi di rischio e utilizzo dei big data che caratterizzeranno anche le altre azioni di contrasto all’evasione, a partire da quelle potenziate dal decreto fiscale dello scorso autunno (Dl 119/2018) che, tra l’altro, ha aperto le porte della Superanagrafe dei conti correnti anche alla Guardia di Finanze stabilendo inoltre la conservazione decennale dei dati di sintesi delle transazioni finanziarie comunicate da banche, Poste e altri intermediari.

In pratica, si metteranno a confronto entrate e uscite sui conti correnti (e non solo) con quanto fatturato (l’informazione ora è disponibile in tempo reale grazie all’e-fattura) e poi dichiarato, in un contesto, in cui più in generale «è stato rafforzato lo scambio automatico di informazioni per attività di controllo tributario o per finalità di analisi di rischio tra Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza».

Posted in News Circolari e Pubblicazioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>