Point Of Sale System For Retail Or Restaurant  -  Credit Card Pr

Corrispettivi telematici dal 1° Gennaio 2020

Salvo proroghe dell’ultimo, con il 1° gennaio 2020, per tutti i contribuenti, ad eccezione delle specifiche esclusioni, ha inizio l’invio generalizzato dei corrispettivi telematici.

Secondo quanto stabilito dall’articolo 2, co. 1 D.Lgs. n. 127/2015, sono obbligati a tale “nuovo” adempimento i soggetti di cui all’articolo 22 del D.P.R. n. 633/72 ossia i soggetti (commercianti ed assimilati) esonerati dall’obbligo di emissione della fattura.

Si ricorda, inoltre che, la disciplina del citato articolo 2, comma 1, del D.Lgs. n.175, come modificato dall’articolo 17 del D.L. n. 119/2018, impone l’adozione (in linea di principio) generalizzata del nuovo processo di memorizzare elettronica e trasmissione telematica all’AdE dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri.

La nuova disciplina porta con sé il superamento dell’obbligo di certificazione fiscale dei corrispettivi (scontrini e ricevute fiscali) di cui all’art. 12, comma 1, della Legge n. 413/91 e al D.P.R. n. 696/96 (art. 1, comma 5, D.Lgs. n.127/2015);

Tale “nuovo” adempimento non sarà immune da un utilizzo esteso e generalizzato, da parte dell’Amministrazione Finanziaria, per un’attività di controllo, i cui input iniziali sono costituiti dall’invio di lettere di compilance, create sulla base dei dati raccolti con:

• l’invio dei corrispettivi telematici;

• l’invio delle liquidazioni periodiche Iva (c.d. LIPE);

• l’invio della dichiarazione annuale dell’Iva.

Sotto il profilo sostanziale i controlli saranno di natura “incrociata” e automatizzata, ossia un confronto tra i dati numerici comunicati con i corrispettivi telematici, le fatture elettroniche, il totale complessivo delle operazioni attive indicate nelle liquidazioni periodiche e nella dichiarazione annuale Iva, con la conseguenza che in caso di non perfetta coincidenza sarà comunicata tale “anomalia” all’impresa.

L’Agenzia raccoglie con costanza i dati delle operazioni attive realizzate, consentendo una possibile attività di controllo tempestiva sulla corretta indicazione delle operazioni nelle varie comunicazioni periodiche rispetto a quelle comunicate giornalmente.

Ancora più invasivo e analitico è il controllo dell’Agenzia delle Entrate se oltre a queste informazioni, l’Amministrazione finanziaria incrocia le medesime con altre comunicazioni, come ad esempio quelle effettuate agli organismi di Pubblica Sicurezza, di cui all’articolo 109 TULPS, in base al quale devono comunicare i dati delle persone alloggiate. In questo modo è possibile avere contezza precisa del numero di ospiti alloggiati nella struttura alberghiera da confrontare con i corrispettivi e le fatture comunicate telematicamente all’Amministrazione Finanziaria.

Posted in News Circolari e Pubblicazioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>