agreement-3476369_1280-e1531925398865

Decreto Rilancio: regime di acausalità

Debutta con sorpresa il nuovo regime di acausalità previsto dal decreto Rilancio (Dl n. 34/2020) per i contratti a termine e di somministrazione.

La norma consente di non indicare la casuale, fino al prossimo 30 agosto, al rinnovo o alla proroga dei contratti a termine che erano in corso di esecuzione alla data del 23 febbraio 2020.

Una innovazione importante, ma di portata molto limitata: vengono esclusi dal nuovo regime tutti i contratti scaduti prima del 23 febbraio scorso, così come quelli stipulati per la prima volta in seguito a tale data; per questi rapporti resta obbligatorio il regime previsto dal decreto Dignità, e quindi va indicata la casuale qualora sia necessario un rinnovo (e in caso di proroga che allunghi il rapporto oltre i 12 mesi complessivi).

Al momento così come scritta la norma lascia spazio ad alcuni dubbi interpretativi.

Il primo dubbio riguarda la durata cui possono arrivare i contratti prorogati o rinnovati utilizzando il regime acausale. La legge non chiarisce se il 30 agosto debba essere considerato come data ultima per la sottoscrizione di un accordo di proroga o rinnovo o se, invece, costituisca la data entro cui deve scadere il contratto.

la lettura più prudente, è che la durata massima non superi il 30 agosto.

Un altro dubbio interpretativo è inserito nelle premesse e cioè: la deroga  viene riconosciuta per far fronte al riavvio delle attività in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Da più parti è stato rilevato che questo inciso deve essere riferito alla generica necessità del sistema economico di agevolare la ripartenze delle imprese. Ma non va sottovaluto il rischio che questa interpretazione non coincida con quella dei giudici che saranno chiamati a valutare la norma che potrebbero giungere a sostenere che il regime di acasualità è applicabile solo alle imprese che hanno l’esigenza di far ripartire l’attività dopo l’emergenza sanitaria.

Sul punto si attendono chiarimenti.

Posted in News Circolari e Pubblicazioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>