ristorazione-jonathan-j-castellon-26T6EAsQCiA-unsplash

Bonus alla filiera della ristorazione

L’articolo 58 del decreto Agosto (Dl 104/2020) stanzia ben 600 milioni di euro, per il solo 2020, a favore dei soggetti economici rientranti nella cosiddetta filiera della ristorazione.

Lo stesso articolo di legge chiarisce che la ratio della norma risiede nella necessità di riconoscere ai predetti soggetti un contributo a fondo perduto da spendere nell’acquisto di prodotti (anche Dop e Igp), compreso quelli vitivinicoli, inseriti in filiere agricole e alimentari, allo scopo di valorizzare le risorse produttive del territorio, gravato dall’emergenza Covid.

I requisiti di accesso

Il decreto limita, tuttavia, l’ambito soggettivo di riconoscimento ai soli operatori economici che esercitino in via prevalente le attività ricadenti sotto i seguenti codici di attività Ateco:

-  56.10.11 (Ristorazione con somministrazione);

-  56.29.10 (Mense);

-  56.29.20 (Catering continuativo su base contrattuale).

Ulteriore requisito oggettivo, spiega ancora la norma, è quello di aver registrato una diminuzione di fatturato di almeno il 25% nei mesi da marzo a giugno 2020 in paragone a quanto fatturato nello stesso periodo del 2019.

Il predetto contributo spetta, anche in assenza dei requisiti di cui al precedente periodo, ai soggetti che hanno avviato l’attività a decorrere dal 1° gennaio 2019.

La procedura

Per l’accesso al bonus, attribuito nel rispetto dei limiti previsti dalla normativa europea in materia di aiuti de minimis, sarà necessario attendere (entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto e, quindi, dal 14 agosto scorso) la pubblicazione di un decreto ad hoc del Mipaf, che circostanzierà le modalità di trasmissione di un’apposita istanza.

All’accettazione della domanda, sarà erogato ai fornitori un anticipo del 90% della spesa attestata. Il residuo 10% sarà saldato a dimostrazione dell’integrale pagamento, con mezzi tracciati, delle fatture di acquisto.

Il contributo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi e al valore della produzione netta Irap.

Articolata è la modalità di presentazione dell’istanza di riconoscimento del contributo. Sarà infatti preliminarmente richiesta la registrazione in una piattaforma telematica (piattaforma della ristorazione) da parte del richiedente. In alternativa, quest’ultimo potrà farsi assistere direttamente da uno degli sportelli territoriali del soggetto concessionario cui sarà attribuita la gestione della misura di aiuto. Sarà sempre il concessionario – esperite le verifiche di rito – a bonificare ai fornitori i l 905v. delle somme risultanti dai titoli di spesa allegati alla domanda.

Salvo che l’indebita fruizione non costituisca reato, il recupero del bonus sarà accompagnato da una sanzione amministrativa del doppio del contributo non spettante.

Posted in News Circolari e Pubblicazioni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>